Alberto Torsello nasce a Venezia nel 1963 dove si laurea in architettura allo IUAV con una tesi sulle Tecniche di Image Processing per l'analisi dell'Architettura.
   Inizia l'attività professionale nel settore dell'edilizia storica sviluppando contestualmente una intensa ricerca e operatività nell'ambito del rilievo per l'architettura.
    Il percorso professionale si sviluppa attraverso esperienze notevoli nel campo dei Beni Architettonici e Artistici diventando consulente per il Ministero dei Beni Culturali in importanti missioni nel mondo. 
    Fonda la SAT Survey nel 1998, società specializzata nelle metodiche analitiche per il costruito, con la quale svolge importanti incarichi di rilievo e indagine conoscitiva (Palazzo Ducale a Venezia, Gallerie degli Uffizi a Firenze, Castello Sforzesco a Milano, il Teatro Olimpico di Vicenza, Castelvecchio a Verona,) e partecipa alle missioni ministeriali nella Città Proibita di Pechino, nella Cittadella di Bam in Iran, e alle Cave di Ajanta in India. 
    Sviluppando la ricerca sul rapporto tra conoscenza e conservazione degli edifici e sulle trasformazioni dei modi d'uso dell'esistente, fonda nel 2006 la TA con la quale opera nel campo del restauro e della nuova architettura:
La conoscenza e l' attenta cura che contraddistingue i progetti architettonici, si riflette negli oggetti di design per una perfetta integrazione e sinergia tra spazio e arredo.

    L'intensa attività e la capacità di esplorare ambiti di intervento nuovi, gli hanno permesso interessanti esperienze nel campo degli allestimenti e del design di oggetti per alcune note aziende italiane (Fabbian Illuminazione, Secco Sistemi, Melloni Projectclima).
    La sua esperienza gli è valsa la collaborazione con importanti architetti di fama internazionale: Livio Vacchini, Tobia Scarpa, Gae Aulenti, Guido Canali, Paolo Portoghesi, Tadao Ando, Arata Isozaki, David Chipperfield.

   L’attività professionale è integrata dall’impegno didattico e scientifico svolto, negli anni, presso l’Università di Architettura di Genova, lo I.U.A.V. di Venezia, l’Università di Architettura di Trieste e dalla collaborazione in qualità di autore e curatore, con diverse riviste specialistiche oltre che la partecipazione ad significativi seminari e conferenze.